Home Page
 

ROTORRRETRO

VAHIDA RAMUJKIC + LAIA SADURNI

INAUGURAZIONE SABATO 29 SETTEMBRE 2007
DAL 1 AL 28 OTTOBRE 2007


INTERNAL LINK
- ROTOR CV
- ROTOR WORKS
- ROTOR EDITION
EXTERNAL LINK

- ROTOR SITE
DOWNLOAD
- INVITATION CARD
- MAGAZINE PROMOTION
- HANDWHEEL
 
Rotor (VAHIDA RAMUJKIC + LAIA SADURNI)
Rotorrretrò - Vahida Ramujkic + Laïa Sadurní, 2007 - Exhibition view at dispari&dispari project

COMUNICATO STAMPA: dispari&dispari project presenta sabato 29 settembre 2007 alle ore 18.00, “Rotor a Reggio”, prima personale Italiana di RoToR (Vahida Ramujkic,1973 Belgrado - Laïa Sadurní, 1973 Barcelona). La mostra, evento inaugurale della stagione espositiva 2007/2008 celebra la chiusura di un campo base ospitato nel periodo estivo nella location industriale di Reggio Emilia. Durante questi due mesi RoToR ha vissuto e riconfigurato giorno per giorno gli spazi espositivi della galleria allestendo aree destinate al lavoro, al riposo e alle attività ricreative; assieme ad amici e collaboratori ha poi rispolverato i vecchi archivi polverosi alla ricerca dei documenti più significativi che testimoniano le fantastiche avventure vissute in terra, acqua e aria. Un evento a due tempi, concepito in parte come laboratorio didattico e in parte come mostra retrospettiva di tipo tradizionale. Disegni, mappe topografiche, wall-painting, appunti, video e fotografie appariranno agli occhi degli spettatori come frammenti di processi complessi volti a ridefinire valori predeterminati. RoToR non realizza pitture o sculture fine a se stesse, ma bensì tenta, attraverso l’ideazione di interventi diretti in contesti urbani, suburbani e rurali, di creare un’alternativa con la quale investigare gli ambiti politici sociali ed economici legati al territorio nel quale operano. La mostra rimane aperta al pubblico negli orari di galleria fino a domenica 28 ottobre 2007. Per maggiori informazioni è possibile consultare la pagina web www.dispariedispari.org


Rotor (VAHIDA RAMUJKIC + LAIA SADURNI) I
Rotorrretrò - Vahida Ramujkic + Laïa Sadurní, 2007 - Exhibition view at dispari&dispari project

PRESS RELEASE: dispari&dispari project presents on Saturday, September 29th 2007 at 6 pm, "Rotor a Reggio", the first personal show in Italy of RoToR (Vahida Ramujkic , 1973 Belgrade-Laïa Sadurní, 1973 Barcelona). The exhibition, opening event of the season 2007/2008, celebrates the closure of a base camp which took place in summer at the industrial location of Reggio Emilia. During these two months RoToR lived and reconfigured day by day the exhibition spaces of the Gallery creating areas for work, for rest and recreation; then together with friends and co-workers it has dusted off the old dusty archives in search of the most significant documents that testify the fantastic adventures lived in land, water and air. A two-stroke event, conceived in part as a didactic laboratory and partly as traditional retrospective. Drawings, topographical maps, wall-paintings, notes, video and photographs will appear at the eyes of the viewer as fragments of complex processes aimed at redefining predetermined values. Paintings or sculptures by Rototor are not a purpose of themeselves, but they rather attempts, through the ideas for interventions for urban and suburban contexts and rural areas, to create an alternative with which to investigate the social, economic and political areas related to the territory in which they investigated. The exhibition is open to the public until Sunday, October 28th 2007. For more information visite: www.dispariedispari.org


Rotor (VAHIDA RAMUJKIC + LAIA SADURNI) III
Rotorrretrò - Vahida Ramujkic + Laïa Sadurní, 2007 - Exhibition view at dispari&dispari project


RoToR in TERRA, MARE e ARIA

tattica per la guerra quotidiana

Attraverso un’azione diretta non mediata, utilizzando il corpo come attrezzo principale e l’intorno immediato come superficie, RoToR basa il suo metodo nell’esperienza propria e nel materiale non processato per capire e per trasformarsi assieme ad esso e all’intorno, incitando ad un processo evolutivo che permetta di aprire corridoi e connessioni per la libera circolazione delle idee.

RoToR non conclude fino a quando non apre collegamenti; costruisce ponti (interni-esterni / personali-sociali) in un lento itinerario focalizzato sui mezzi naturali: Mare, Terra e Aria.

Dopo 6 anni di esperienze condivise RoToR celebra la fine della prima rotazione con una retrospettiva mirata, dopo il campo base installato a Reggio Emilia durante i mesi di luglio Agosto e Settembre 2007.


***ROTORRR COMUNICATO***
ITALIANO


Questa estate convergeremo in un capannone industriale nella periferia di Reggio Emilia (Italia) , con tutta la nostra materialità ed immaterialità dispersa monteremo un campo base temporale di RoToR.

Spacchetteremo delle scatole piene di file polverosi, schizzi spiegazzati, mappe, oggetti trovati e le cose che abbiamo fatto... tutto quello è stato accumulato dalll'estate del 2001 quando abbiamo iniziato ad uscire insieme per cercare delle avventure sulle strade di Poble
Nou.

Ci guarderemo indietro retrospettivamente, pronti a rivisitare, valutare e testare quello che abbiamo imparato - vogliamo mettere a tutte queste cose un sigillo di libertà, staccarle da noi in modo da essere libere e aperte per tutti coloro che le vogliono utilizzare.

Invitiamo tutti voi, amici e collaboratori che ci avete accompagnato nelle avventure e nelle nostre esplorazioni su TERRA, ACQUA e ARIA in cui siamo cresciuti assieme, a venire a celebrare l'ultima avventura della prima rotazione di RoToR. Noi vi invitiamo ad equipaggiare ed abitare il capannone, che sarà aperto durante questi tre mesi estivi (luglio/settembre/agosto), trasformandolo e lasciandosi trasformare.

Per fare questo, senza un piano preciso apriremo diversi dipartimenti: Pedinamento, Ingegneria, Logistica, Alimentazione... Ti invitiamo ad unirti e ad inventare la tua missione, questa volta nelle campagne dell'Emilia Romagna.

Si accettano reclutamenti a org@rotorrr.org
Confermare la data e la missione.
Risponderemo con maggiori dettagli.

Speriamo di vederti quì, se no ti auguriamo una felice estate ovunque tu sia.

Vahida y Laia (RoToR)
www.rotorrr.org


*calendario*
Periodo di apertura del capannone
Costruzione e campo base: dal 15 al 30 di Agosto
Festa di Finissage: 30 di Settembre
Fine e disinstallamento del campo base: dal 1 al 3 di Ottobre

*direzione*
Capannone > Dispari&Dispari Project
Via V.Monti, 25 . Reggio Emilia
http://www.dispariedispari.org

*transporti*
Vuelos economici per Bologna: Myair.com / Vueling.com
Treno Bologna-Reggio Emilia: 40 min.



Rotor (VAHIDA RAMUJKIC + LAIA SADURNI) IV
Rotorrretrò - Vahida Ramujkic + Laïa Sadurní, 2007 - Exhibition view at dispari&dispari project


***ROTORRR PRESS RELEASE***

ITALIANO

This summer we will converge on an industrial warehouse on the outskirts of Reggio Emilia (Italy) with all our scattered materialities and immaterialities and set up a temporary RoToR Base Camp.

We will unpack boxes full of dusty files, crumpled sketches, maps, found objects and things we have made… everything that has been accumulating since the summer of 2001 when we first set out together to search for adventures on the streets of Poble Nou.

We will be looking back retrospectively, ready to revisit, assess and test what we have learnt - we want to put a stamp of freedom on all these things and detach them from ourselves so that they can be free and open for whoever wants to use them.

We invite all of you, friends and collaborators who accompanied us on our adventures and explorations on SEA, EARTH and AIR, in which we grew together, to come along and celebrate the last adventure of the First Rotation of RoToR - We invite you to fit out and inhabit the Warehouse that will be open over these three sumer months (July / September / August), helping us to transform it and transform ourselves as we transform our surroundings.

To do this, without any fixed plan, we are opening up a series of departments: tracking, engineering, logistics, food supply… we invite you to join one and invent your own mission, this time in the countryside around Emilia Romana.

Recruitments accepted at org@rotorrr.org – confirm dates and missions.
We will reply with more details.

We hope to see you here, and if not we hope you enjoy the summer wherever you are.

Vahida y Laïa (RoToR)
www.rotorrr.org

*dates*
The WAREHOUSE will be open:
Construction and Base Camp:
August 15 to 30
Finissage fiesta:
September 30

departure and dismantling of boot camp:
October 1 to 5

*addresses*
The warehouse:
Dispari & Dispari Project
Via V.Monti, 25
Reggio Emilia
ttp://www.dispariedispari.org

*transport*
Cheap flights to Bologna : Myair.com / Vueling.com
Train Bologna-Reggio: –eur 40 min.
Reggio bus station: bus /// get off at


Rotor (VAHIDA RAMUJKIC + LAIA SADURNI) V
Rotorrretrò - Vahida Ramujkic + Laïa Sadurní, 2007 - Exhibition view at dispari&dispari project


y means of real facts and practical explorations Rotor is in the process of constant self-definition. It becomes the dynamic part of an engine made up of people from different ambits, working together and sharing their knowledge. In Rotor there’s always the chance to play decoding the chains of information and creating a new system of signs and valuation having to do with both, personal conditions and locations. Rotor connects up and crosses, goes up and down. We learn from the game the role we are playing and the board where we are located. The movement keeps us awake and it makes us activate a closer and more vital relationship not only with the environment but also with the emotions players feel when enjoying it. It offers the possibility to take part in the process of creating the rules of the game. It gives us a mission. Rotor explorations are divided into three different phases: terrestrial phase, aerial phase and aquatic phase. Nowadays Rotor is in the air.

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Fase Terrestre: un'operazione di terra / / Giochi olimpici / / esplorazioni di avventura / / Safari / / taglia corto / / Cartografia

Poble NOW: Esplorare il territorio che cambia, 2002-2003 / / "... una serie di progetti che comportano la produzione di modificare le mappe del quartiere Poblenou, Barcellona è uno dei principali obiettivi della riqualificazione urbana. Le mappe mostrano spazi aperti, no-zone di accesso, gli accessi temporanei, zone di confine, zone di sorveglianza, zone in cui lavori di costruzione è in corso, i posti si deve saltare, i luoghi da cui si sale verso il basso, dove c'è un camino ancora in piedi , in cui gli sviluppatori di proprietà e di nuove abitazioni si trovano. Le mappe, che pubblicano gli artisti stessi, i movimenti di dovete fare in modo di attraversare queste aree. Il corpo, ancora una volta diventa un indicatore che segna il territorio. Come Deleuze e Guattari, direi, gli artisti reterritorialise questi spazi con le proprie esperienze. Essi simultaneamente fotografia, film in video e prendere appunti sui piani. La situazione si documento nasce dalla logica della gita, che si riferiscono a un safari. Questo atteggiamento si trasforma improvvisamente i luoghi visitati in luoghi scoperti pieno di attrazioni esotiche e ci dice anche che cosa pensano del settore turistico nel suo complesso. "(Carles Guerra) / / Explorations Poble NOW (www.rotorrr.org/poblenow_01.htm) / / Safari PN (www.rotorrr.org / safari_poblenow.htm) / / Planariae PN (http://www.rotorrr.org/planariae.htm) / /

Teixit * PN / / PobleNow TESSUTI * è un generatore di mappa che visualizza su una maglia reticolare i risultati di una ricerca su banca dati di circa 4000 fotografie scattate durante le esplorazioni e percorsi avventura di un periodo di trasformazione urbana e sociale nel territorio Poble Nou. Secondo la combinazione di parametri assegnati, una mappa del tessuto urbano è generato. La combinazione di parametri costituisce sempre una frase: un ricorso tramite un elemento urbano in una sorta di zona e di una determinata data. (www.rotorrr.org/teixit_pn/) Sculptural Olympiade / BCN02 / Nota per la 2 ° edizione "Il 25 luglio sono passati dieci anni dal momento della cerimonia di apertura del mitico Giochi olimpici di Barcellona nel 1992. Oltre al indubbia rilevanza per gli sport, questa data rappresenta un cambiamento nel cotidianity di Barcellona. Inversioni Big economica nei settori infraestructural e urbanistical enerated la ricostruzione delle grandi aree della città, come il Villaggio Olimpico e Vall Hebron, il recupero frontside con il nuovo Porto Olimpico, le spiagge, gli alberghi ... ma uno dei progetti più ambicious è stato l'inserimento di un gran numero di sculture pubbliche, la maggior parte degli artisti di rinomata in tutto il mondo, in Differnet punti della città. Dieci anni dopo questo evento, che ha messo a Barcellona sulla mappa del mondo, vi proponiamo un evento celebrativo: la Olympiade scultoree. Che inizia il 25 luglio e per cinque giorni in poi, faremo cinque percorsi diversi nelle diverse parti della città, che collega le sculture olimpiche negli spazi pubblici. I cinque circuiti rappresentano i cinque anelli olimpici, e ogni parte della città corrisponde ad un continente. Il programma di questo evento sarà pubblicato prima, in modo che i partecipanti di scegliere il giorno, i percorsi e le discipline a cui si desidera assistere. Non ci sarà nessuna qualifica precedente. L'evento è aperto a chiunque sia interessato a. "(www.rotorrr.org/olympiada2002/logo.htm)


Terrestrial phase: Ground operation // Olympic Games // Adventurous explorations // Safaris // Short cuts // Cartography

Poble NOW: Exploring the changing territory, 2002-2003 // ”…a series of projects which involve the production of changing maps of the Poblenou district, one of Barcelona's main focuses of urban redevelopment. The maps show open spaces, no-access zones, temporary accesses, border zones, zones of surveillance, zones where building work is in progress, places you have to jump across, places you have to climb down, where there is a chimney still standing, where the property developers and new housing are located. The maps, which the artists publish themselves, show the movements you have to make in order to cross these areas. The body once again becomes an indicator which marks the territory. As Deleuze and Guattari would say, the artists reterritorialise these spaces with their own experiences. They simultaneously photograph, film on video and make notes on the plans. The situation they document stems from the logic of the excursion, which they refer to as a safari. This attitude suddenly transforms the places visited into uncovered places full of exotic attractions and also tells us what they think of the tourism industry as a whole.” (Carles Guerra) // Explorations Poble NOW (www.rotorrr.org/poblenow_01.htm) // Safaris PN (www.rotorrr.org/safari_poblenow.htm) // Planariae PN (http://www.rotorrr.org/planariae.htm) //

Teixit*PN // PobleNow TISSUE* is a map generator which visualizes on a reticular mesh the results of a data base search of approximately 4000 photographs taken during the explorations and adventure routes of an urban and social transformation period in the Poble Nou territory. According to the combination of assigned parameters, a map of urban tissue is generated. The combination of parameters always constitutes a sentence: an action through an urban element in a type of area and a given date. (www.rotorrr.org/teixit_pn/)Sculptural Olympiade / BCN02 / Note to the 2nd edition ”On the 25th of july ten years have passed since the opening ceremony of the mythic Olympic Games held in Barcelona in 1992. Apart from the obvious relevance for the sports, this date represents a change in Barcelona’s cotidianity. Big economic inversions in infraestructural and urbanistical fields enerated the reconstruction of big areas in the city, as the Olympic Village and Vall Hebrón, the frontside recovery with the new Olympic Port, beaches, hotels... but one of the most ambicious project was the incorporation of a great number of public sculptures, the majority of wellknown artists from around the world, in differnet points of the city. Ten years after this event, that put Barcelona on the world map, we propose a commemorative event:The Sculptoric Olympiade. Beginning on the 25th of july and for five days on, we will do five different routes in different parts of the city connecting the olympic sculptures in public spaces. The five circuits represent the five olympic rings, and each part of the city corresponds to a continent. The programme of this event will be published before, in order for the participants to choose the days, routes and disciplines to which they wish to assist. There will be no previous qualification. The event is open to anyone who’s interested in.” (www.rotorrr.org/olympiada2002/logo.htm )

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Fase Acquatica: Pirates in mare! / / Zattere riciclata / / Turn le barriere: Geopatographic Planisphery / Pateras sul fiume, lago e mare / / dimostrazione acquatica / / Schengen senza sforzo (Assimil)

TURN GLI OSTACOLI / / In cerca di nuovi orizzonti dove la tellurocrazia ha ancora alcun potere sui mari, costruiamo dispositivi navali per fuggire dal pieno urbano-out di illusione e junmp nel vuoto infinito del mare, pieno di speranza - Fabbrichiamo zattere raccogliendo e riutilizzando il controllo urbano e accessori per la costruzione comuni nelle metropoli del mondo occidentalizzato, la standardizzazione e l'accessibilità di questi elementi in ambiente urbano rendono possibile l'uso del manuale su scala mondiale. Navigatio il manuale suggerisce una tipologia di costruzione modulare sviluppato dal sito on-interpretazione dei materiali incontrati per caso, invita a esplorare il mare da geopatographical rotte navali e, a sua volta, sperimentando la profondità della distanza. / / Www.rotorrr.org / patera / / www.paterasurbanas.net / /
Assimil (www.rotorrr.org/assimil/)

Aquatic Phase: Pirates overboard! // Recycled rafts // Turn the barriers: Geopatographic Planisphery / Pateras on the river, lake and sea // Aquatic demonstration // Schengen without effort (Assimil)

TURN THE BARRIERS // In search of new horizons where tellurocracy has still no power on the seas, we build naval devices to flee from the urban plentitude -out of illusion- and junmp into the infinite emptiness of the sea -full of hope-
We fabricate rafts gathering and reusing urban control and construction accessories common in the metropolis of the westernized world; the standardization and accessibility of these elements in the urban environment make possible the use of the manual on a world-wide scale.
The Manual Navigatio suggests a modular construction typology developed from the on-site interpretation of randomly found materials, inviting one to explore the sea by geopatographical naval routes and in turn, experiencing the depth of distance. // www.rotorrr.org/patera // www.paterasurbanas.net //
Assimil (www.rotorrr.org/assimil/)




 


Ideazione:
Artista:
A cura di:
Indirizzo:
Inaugurazione:
Periodo:



Tel:

Fax:
Info:

RETROSPETTIVA
dispari&dispari project
Cullinan+Richards
Andrea Sassi
Location Industriale
Via V.Monti 25, Reggio Emilia . Italia
Sabato 1 Aprile 2006 ore 18.00
Fino al 30 Aprile 2006
Mart - Ven dalle 16.00 alle 21.00
(sab./dom. su appuntamento)
+39.0522.557344
+39.335.6097304
info@dispariedispari.org
www.dispariedispari.org
www.rotorrr.org