Home Page
 

SLOW-LIGHT CINEMA

DIONIS ESCORSA

INAUGURAZIONE SABATO 21 MARZO 2009
23/24/25/26 MARZO 2009 DALLE ORE 21.30


INTERNAL LINK
- DIONIS ESCORSA CV
- DIONIS ESCORSA WORKS
- DIONIS ESCORSA EXHIBITION
EXTERNAL LINK

- DIONIS ESCORSA SITE
DOWNLOAD
- INVITATION CARD
- MAGAZINE PROMOTION
- HANDWHEEL
 
Dionis Escorsa - Slow-Light Cinema
Slow-Light Cinema - Dionis Escorsa, 2009 - Exhibition view at dispari&dispari project

COMUNICATO STAMPA: A due anni dal rapimento del gallerista, l'artista Spagnolo Dionis Escorsa ritorna a Reggio Emilia per chiudere nuovamente lo spazio espositivo di dispari&dispari project e riconvertirlo in uno studio cinematografico. In questo luogo dal 3 al 18 marzo l'artista dirigerà un workshop di sperimentazioni cinematografiche al quale gli interessati possono liberamente partecipare. Sabato 21 marzo in occasione della inaugurazione della mostra ''Slow-light Cinema'' sarà presentato in anteprima assoluta il primo lungometraggio di Escorsa, intitolato ''48 (il morto che parla)''. Il programma di slow-light cinema continua nelle serate di Lunedi' 23, Martedi' 24 e Giovedi' 26 dalle ore 21.30 in poi con la proiezione di documentari, cortometraggi, video interattivi che testimoniano i molteplici campi di interessi dell'artista.



Dal 1998, Dionis Escorsa (Tortosa, 1970) crea cortometraggi di finzione come ''La Poca Casa'', ''E-rails'', ''Proiettili Illuminat'' e video-scenografie per produzioni di teatro come ''Homes'', ''Solo per Piacere'' e ''Salvatge Cor''. Nel frattempo continua a spendere le sue energie in investigazioni autonome creando un ''Servizio di pulizie per Edifici Bombardati-, collezionando in una bacheca coppie in atteggiamenti amorosi (''Polvere di Farfalle'') ed esaminando il paradosso del reinserimento delle immagini nella realtà dalla quale sono state prese (''Come Maltrattare la Falsità'', ''Dire la Verità, non e' la Verità'', ''l'Assente''). Porta avanti anche lo studio di una forma non lineare di narrazione rizomatica (''Giardino di Radici''), riconsidera l'uso dei terrazzi della città vecchia di Barcellona, (Giornate di Autonomia Aerea'', ''Vincles alt Terrats''), disegna giochi da tavolo sulle strategie urbane anti sociali, (''Incivic'') inventa macchine per criptare psico-cartografie, (''Videocriptomachine'') ed ha sequestrato un gallerista per tentare di non fare una mostra, (''kidnapping the gallerist'').


Dionis Escorsa - Drawings
Dionis Escorsa - Drawings  I





48 IL MORTO CHE PARLA
(DRAWINGS)

Durante il workshop di sperimentazioni cinematografiche organizzato in occasione della mostra Slow-Light Cinema, Dionis Escorsa ha preparato una serie di disegni formato A4 con i quali ha rappresentato alcuni dei temi chiave (il bisogno di scegliere, il trascorrere del tempo, la sessualità) che caratterizzano la pellicola 48 Il Morto che Parla. Le opere sono state esposte durante la mostra.
Dionis Escorsa - Drawings  II Dionis Escorsa - Drawings  III Dionis Escorsa - Drawings  IV
Dionis Escorsa - Drawings  V Dionis Escorsa - Drawings  VI Dionis Escorsa - Drawings  VII
 
PROGRAMMA SLOW-LIGHT CINEMA
di DIONIS ESCORSA



SABATO 21.03.09 (inaugurazione)
ore 19.00 1°visione
ore 20.30 rinfresco
ore 21.30 replica
48 (IL MORTO CHE PARLA)
48 (IL MORTO CHE PARLA)
E' una raccolta di cortometraggi di finzione simbolica, realizzati tra il 2002 e il 2009 ed ordinati in modo discorsivo, tentando di conformare un corpo narrativo. Un banbino permane abbandonato sulla riva di un fiume. Nel suo colloquio con la morte impersonificata, scopriamo che il suo abbondono e la sua stessa esistenza sono solamente frutto della invenzione onirica di un padre convinto di aver sbagliato donna.
LUNEDI 23.03.09 ore 21.30  
ROOM SERVICE FOR BOMBED BUILDINGS
ROOM SERVICE FOR BOMBED BUILDINGS
Sei anni dopo il bombardamento NATO, Belgrado conserva ancora alcuni dei suoi edifici nel medesimo stato di distruzione. Al loro interno un gruppo di donne inizia a fare le pulizie.
SELF-AID di V. Ramujkic
SELF-AID di V. Ramujkic
Un tenente maggiore in pensione, ci mostra come convertire i saccchetti di plastica che contengono gli aiuti umanitario USAID, che l’aviazione Americana distribuisce in zone di conflitto, in prodotti che possono essere più util.
OLUJA (LA TORMENTA) con V. Ramujkic
OLUJA (LA TORMENTA) con V. Ramujkic
Dopo 40 anni di assenza, una nonna ritorna finalmente al suo paese natale, un piccolo villaggio situato in territorio Croato prevaalentemente abitato da Serbi.
MARTEDI 24.03.09 ore 21.30  
ROTOR: TERRA ACQUA E ARIA
ROTOR: TERRA ACQUA E ARIA
Dopo 7 anni di avventure RoToR conclude la sua prima Rotazione a Reggio Emilia presentando i manuali Terra, Acqua e Aria accompagnati dalla proiezione di alcuni dei video in essi contenuti.
 
ROTOR: Videocryptomachine
ROTOR: Videocryptomachine
Macchina criptatrice di testo creata partendo da sequenze videografiche riprese nelle strade del Brooklyn riverside di New York; la numerazione alfabetica di queste strade serve come chiave dedutttiva.
GIOVEDI 26.03.09 ore 21.30  
GIARDINO DI RADICI
GIARDINO DI RADICI
Esperimento di narrazione non lineare nel quale gli attori partecipanti sviluppano successivamente le multiple possibilità dello script poliedrico. L’utilizzatore come prima gli attori dovra scegliere alla fine di ogni sequenza tra varie decisioni possibili per tentare di far avanzare la narrazione.
KIDNAPPING THE GALLERIST
KIDNAPPING THE GALLERIST
Narrazione in formato di video blog sul sequestro di un gallerista il giorno della inaugurazione di una falsa mostra d’arte conntemporanea.

 


Ideazione:
Artista:
A cura di:
Indirizzo:

Inaugurazione:
Periodo:

Tel:

Fax:
Info:

SLOW-LIGHT CINEMA
dispari&dispari project
Dionis Escorsa
Andrea Sassi
Via V.Monti 25, Reggio Emilia
Sabato 21 marzo 2009, ore 18.00 (inaugurazione)
Lunedì 23 ore 21.30
Martedì 24 ore 21.30
Giovedì 26 ore 21.30
+39.335.6097304
+39.0522.557344
info/at)dispariedispari.org
www.dispariedispari.org
www.slow-light.net