Home Page
 

OLMOUST 39° OF FEVER, MARCO

CHRISTIAN EISENBERGER
DAL10 NOVEMBRE AL 28 DICEMBRE 2007


DOWNLOAD
- ENGLISH PRESS RELASE
- SPANISH PRESS RELASE
- INVITATION CARD
- MAGAZINE PROMOTION
- HANDWHEEL
 
Christian Eisenberger - Olmoust 39° of feber, Marco
Olmoust 39° of feber, Marco - Christian Eisenberger 2007 - Exhibitions view at dispari&dispari project

COMUNICATO STAMPA: Sabato 10 novembre 2007 ore 18.00, dispari&dispari project presenta nella location industriale di Reggio Emilia, “Olmoust 39° of feber, Marco”, prima personale italiana dell’irriverente artista austriaco Christian Eisenberger, (Graz 1978). Ancora una volta gli spazi espositivi saranno completamente trasformati attraverso un progetto site specific che ne ridefinirà forma e funzione; una immensa installazione abitabile realizzata attraverso l’assemblaggio di legno e cartoni, occuperà interamente gli spazi espositivi ospitando al suo interno un nucleo di opere (pitture – disegni - video) appositamente concepite per la mostra. Una città fatta di strade e palazzi nella quale addentrarsi alla ricerca di quei segni che caratterizzano la ricerca artistica di Eisenberger. Non è la prima volta che l'artista si "barrica" all'interno di strutture da lui concepite, lo ha fatto a Graz nella chiesa St.Andrä dove per 40 giorni consecutivi ha vissuto riflettendo sul rapporto tra arte e spiritualità. I materiali prediletti sono "poveri", come il cartone, il legno, la gomma e i nastri adesivi, cose che si possono facilmente recuperare nelle strade di tutto il mondo che diventano un laboratorio open air nel quale operare e sperimentare. Egli è prima di tutto uno scultore di materia ed un performer, utilizza il video e la fotografia, con una passione per i supporti tradizionali come la carta e la tela sulle quali opera con disincantata libertà. Eisenberger è un’artista eclettico dotato di un fortissimo estro creativo che contraddistingue la sua ricerca, collocandolo tra gli artisti più interessanti della nuova avanguardia austriaca.


Christian Eisenberger - Olmoust 39° of feber, Marco I
Olmoust 39° of feber, Marco - Christian Eisenberger 2007 - Exhibitions view at dispari&dispari project

PRESS RELEASE: On Saturday, November 10th 2007 at 6 pm, dispari&dispari project presents at the industrial location of Reggio Emilia, "Olmoust 39th of fever, Marco", the first one-man show in Italy of the irreverent Austrian artist Christian Eisenberger (Graz 1978). Once again the exhibition space will completely be transformed through a site-specific project that will redefine the form and function; a huge habitable installation, realized through an assembly of wood and cartoons, will occupy the whole exhibition space by hosting inside it a nucleus of works (paintings – drawings-video) specifically designed for the exhibition. It’s a City of roads and buildings in which entering you can research the signs that characterize the artistic research of Eisenberg. This is not the first time that the artist will be "barricaded" within a structure devised by himself, he did it also in Graz in the Church St. Andrä where he lived for 40 consecutive days reflecting on the relationship between art and spirituality. The favorite materials are "poor", like cardboard, wood, rubber and scotch tapes, things that you can easily retrieve in the streets around the world which becomes an open air laboratory where to operate and experiment. He is first and foremost a sculptor of matter and a performer, he uses video and photography, with a passion for traditional media such as paper and canvas on which he works with disenchanted liberty. Eisenberger is an eclectic artist with a very strong creative spirit which characterizes his research, placing him among the most interesting artists of the new Austrian avant-garde.



Christian Eisenberger - Olmoust 39° of feber, Marco II
Olmoust 39° of feber, Marco - Christian Eisenberger 2007 - Exhibitions view at dispari&dispari project

CHRISTIAN EISENBERGER:
Le opere dell’artista Christian Eisenberger sono realizzate con l’utilizzo di materiali modesti e facilmente reperibili in qualsiasi città del mondo, come cartone, legno, tela, gomma e nastro adesivo. Alcune sculture sono arricchite da tubi al neon, videoproiezioni, fotografi e e dall’intervento performativo dello stesso artista. Più di una volta Eisenberger si è barricato all’interno di strutture da lui costruite, in altre occasioni ha realizzato azioni dentro edifi ci pubblici. Una volta ha vissuto per quaranta giorni nella chiesa di Sant’Andrea a Graz rifl ettendo, in occasione della Quaresima, sul rapporto arte/spiritualità, mediante l’allestimento di un atelier provvisorio dove con ritualità religiosa erano ripetuti alcuni gesti artistici quotidiani. La pittura e il disegno convivono nelle installazioni dell’artista austriaco con altre tecniche e oggetti di uso comune, riutilizzati quasi a costruire una storia disorganica, volutamente anti-narrativa. Pupazzi di peluche imbottiti, capelli reperiti da veri coiffeur oppure una grande pozzanghera di latte, sono utilizzati dall’austriaco per disegnare sagome antropomorfe sul pavimento delle gallerie che lo ospitano. Anche servendosi di banalissimi cotton fioc è capace di costruire delle strutture molecolari complesse. Su fogli di cartone inciso con lettere e frasi retroilluminate, comunica messaggi da writer, dove anche il colore, spesso sgocciolato, e il disegno, scarabocchiato, contribuiscono a un forte senso di disordine. Come ha scritto Silvia Ferrari, Eisenberger, allo stesso modo dei graffi tisti, in certe occasioni usa fi rmarsi con lo pseudonimo “Urex”, dato dalla fusione dei prefi ssi “ur” (rimando a una dimensione primordiale), “re” (che introduce il concetto di ripetizione), “ex” (che retrodata ogni posizione eventuale). «La fluidità concettuale del soprannome è indicativa del suo concepirsi catalizzatore entro processi metamorfici, che spesso si esplicano in tentativi di sensibilizzazione pubblica». Le opere di Eisenberger si vivono dall’interno, chinando la testa per passare sotto le strutture di legno ottenute accumulando materiali di scarto, per poi trovare all’interno piccoli spazi di libertà, dove guardare un video o apprezzare disegni realizzati dall’artista o da amici invitati a partecipare a un progetto artistico collettivo. Il risultato di questo modo di operare consiste molto spesso in opere effi mere, l’artista è un trasformatore di eventi più che un creatore di oggetti, non offre un’interpretazione univoca del suo lavoro ma, anzi, sprona il visitatore alla partecipazione fi sica e concettuale delle stesse. In occasione di questa mostra Christian Eisenberger ha realizzato un elegante cappio al neon sorretto da un’impalcatura che contribuisce a simulare un’impiccagione. A fi anco, un’inquietante fi gura umana fatta di scotch. Si tratta di una sorta di calco del corpo dell’artista, frutto di una performance: dopo essersi avvolto come una mummia con nastro adesivo da magazziniere, creando così una scultura che lo conteneva, se ne è liberato tagliandolo con un cutter dall’interno.



Christian Eisenberger - Olmoust 39° of feber, Marco III
Olmoust 39° of feber, Marco - Christian Eisenberger 2007 - Exhibitions view at dispari&dispari project
Christian Eisenberger - Olmoust 39° of feber, Marco IV
Olmoust 39° of feber, Marco - Christian Eisenberger 2007 - Installation details
Christian Eisenberger - Olmoust 39° of feber, Marco V
Olmoust 39° of feber, Marco - Christian Eisenberger 2007 - Installation details
Christian Eisenberger - Olmoust 39° of feber, Marco VI
Olmoust 39° of feber, Marco - Christian Eisenberger 2007 - Installation details
Christian Eisenberger - Olmoust 39° of feber, Marco VII
Olmoust 39° of feber, Marco - Christian Eisenberger 2007 - Installation details
Christian Eisenberger - Olmoust 39° of feber, Marco VIII
Olmoust 39° of feber, Marco - Christian Eisenberger 2007 - Installation details
Christian Eisenberger - Olmoust 39° of feber, Marco IX
Olmoust 39° of feber, Marco - Christian Eisenberger 2007 - Exhibitions view at dispari&dispari project


 

Ideazione:
Artista:
A cura di:
Indirizzo:
Inaugurazione:
Periodo:


Tel:

Fax:
Info:

OLMOUST 39° OF VEBER, MARCO
dispari&dispari project
Christian Eisenberger
Andrea Sassi
Via V.Monti 25, Reggio Emilia
Sabato 30 maggio 2009, ore 18.00
Dal 13 novembre al 28 dicembre 2007
da martedì a venerdì dalle 10.00 - 13.00 / 15.00 - 19.30
sabato e domenica su appuntamento
+39.335.6097304
+39.0522.557344
info(at)dispariedispari.org
www.dispariedispari.org